Incomincio oggi con qualche notiziola e foto della città dove sono nata e vissuta per i miei primi 21 anni: Madrid… Da noi c’è il detto…”de Madrid al cielo y un agujerito para seguir viendolo” (da Madrid al cielo ed un forellino per continuare a vederlo) ed io che ci sono nata potrei smentire questo detto? No, ovviamente…io adoro Madrid!!

Capitale della Spagna, situata nell’altipiano proprio nel centro di questa ha come simbolo l’orso: un orso che mangia i frutti da un corbezzolo, come quello che troviamo nella Puerta del Sol….

I madrileni sono chiamati Gatos, “Gatti”. Molti pensano che il soprannome sia dovuto al fatto che amino tirare tardi; non cenano prima delle 10 di sera, poi escono, si incontrano con gli amici a mezzanotte e se ne vanno in giro, semplicemente parlando o saltando da un locale all’altro fino all’alba. In effetti il soprannome è ideale, ma non è dovuto allo stile di vita dei madrilenos. La spiegazione di questo soprannome è storica.

Madrid venne fondata da Muhammad I, figlio di Abderramán, nel 852 con il nome di Magerit. La città era difesa da alte mura che avevano solo tre porte di accesso: de la Vega, Arco Santa María e la de La Sagra. I tentativi dei cristiani di conquistare Madrid ebbero successo solo sotto Alfonso VI. Durante l’assalto finale alla città, un giovane soldato si arrampicò a mani nude sulle alte mura con la stessa abilità di un gatto, sostituendo la bandiera Moresca con quella cristiana. Da allora, questo ragazzo e tutta la sua famiglia furono chiamati Gatos, soprannome che si è esteso a tutti i madrileni. A questa famiglia è dedicata anche una strada, il Callejón del Gato.

L’origine storica del nome si addice bene anche ai madrileni moderni. Più della rivale Barcellona, ha una vita notturna molto intensa. Per un madrileno uscire a mezzanotte, ballare tutta la notte e poi andare al lavoro non è un eccezione. Questa voglia di divertirsi ha reso la “movida” madrilena famosa in tutto il mondo.

(continua qua…)