gennaio 2009


E anche quest’anno San Valentino e la sua carica di cuoricini e baci innamorati sta per travolgerci 00019026.gif … ma che cosa può esserci di meglio che farci travolgere dai sentimenti e meglio ancora dall’amore?amo1.gif … nullaovvio … così pure noi siamo state travolte, come le nostre spille e cards che per questo evento si sono messe al meglio per non sfigurare in uno slide  … ovviamente le spille essendo piccoline ne risentono un po’ vicino alle cards nello slide che le ha rese enormi 😮 😀 ma loro sprezzanti del pericolo sfocatura 😮 …vogliono farsi vedere lo stesso 😆  … Potete ammirarle nella loro taglia originale assieme alle vecchie e nuove cards nella gallery di San Valentino

.

.

(cliccare sull’immagine sotto per ascoltare la musica)

lamore-e-bluscritta

car

Si è soliti dire che : dopo Natale è sempre Carnevale… 🙂

Con i tempi che corrono, forse la cosa si ridimensiona un pò 4_12_121.gif ma il fascino delle maschere resta.

E quel fascino ci attira come sempre nel loro mondo ingenuo ed allegro…

Iniziamo con : Arlecchino e Colombina

ARLECCHINO

arlecchino

La maschera di ARLECCHINO è di tradizione italiana, proviene dalla Lombardia.

E’ tra le maschere più famose.

Abita a Bergamo, è molto conosciuto per il suo vestito di “cento” colori.

Il suo vestito è così colorato perché, essendo povero, i suoi amici, in occasione del Carnevale, gli regalano dei pezzi di stoffa avanzati dai loro costumi, in modo che possa averne uno anche lui.

Ha una maschera nera e una spatola di legno. E’ stravagante e scapestrato, ma pieno di astuzia e di coraggio. Soffre di una brutta malattia: la pigrizia.

IL VESTITO DI ARLECCHINO

Per fare un vestito ad arlecchino
ci mise una toppa Meneghino,
ne mise un’altra Pulcinella,
una Gianduia, una Brighella.
Pantalone, vecchio pidocchio,
ci mise uno strappo sul ginocchi,
e Stenterello, largo di mano
qualche macchia di vino toscano.
Colombina che lo cucì
fece un vestito stretto così.
Arlecchino lo mise lo stesso
ma ci stava un tantino perplesso.
Disse allora Balanzone,
bolognese dottorone:
‘Ti assicuro e te lo giuro
che ti andrà bene li mese venturo
se osserverai la mia ricetta:
un giorno digiuno e l’altro bolletta.

raratonga_mask

COLOMBINA

colombina

L’unica maschera femminile ad imporsi in mezzo a tanti personaggi maschili è Colombina, briosa e furba servetta.

E’ vivace, graziosa, bugiarda e parla veneziano.

E’ molto affezionata alla sua signora, altrettanto giovane e graziosa, Rosaura, e pur di renderla felice è disposta a combinare imbrogli su imbrogli.

Con i padroni vecchi e brontoloni va poco d’accordo e schiaffeggia senza misericordia chi osa importunarla mancandole di rispetto.

E’ una maschera del Veneto, per la precisione di Venezia. Indossa una cuffia e un vestito a fiori bianchi e blu che spiccano sulla gonna blu e sulle calze rosse.

Sulla fibbia delle scarpe c’è un fiocchetto azzurro.

E’ allegra e sapiente, civetta e furba, maliziosa e pungente, spensierata, chiacchierina.

Prende in giro le persone che le stanno vicino ed è portata a farsi beffe di loro.

LA MASCHERA

Vent’anni  fa m’ammascherai  pur’io!

E ancora tengo er grugno de cartone

Che servì p’annisconne  quello mio.

Sta da vent’anni sopra un credenzone

Quella Maschera buffa, ch’è restata

sempre cò la medesima espressione,

sempre cò la medesima risata.

Una volta je  chiesi: -E  come fai

a conservà  lo stesso bon  umore

puro ne li momenti der  dolore,

puro quanno  me trovo tra li guai?

Felice te, che nun te cambi mai!

Felice te che vivi senza core!-

La Maschera rispose:

– E tu che piagni che ce guadagni?

Gnente!

Ce guadagni che la gente dirà: povero diavolo,

te compatisco… me dispiace assai…

Ma, in fonno, credi, nun j’importa un cavolo!

Fa invece come me, ch’ho sempre riso:

e se te pjia la malinconia

comprete  er  viso cò la faccia mia

così la gente nun  se scoccerà…

D’allora in poi nasconno  li dolori

de dietro a un’allegria de cartapista

e passo per un celebre egoista

che se ne frega dell’umanità!

Da :http://www.primocircolopotenza.it

.

…continua qua…

giocoliere





uomocane-2

Un uomo camminava per una strada con il suo cane. Si godeva il paesaggio, quando ad un tratto si rese conto di essere morto. Si ricordò di quando stava morendo e che il cane che gli camminava al fianco era morto da anni. Si chiese dove li portava quella strada.
Dopo un poco giunsero a un alto muro bianco che costeggiava la strada e che sembrava di marmo. In cima a una collina s’interrompeva in un alto arco che brillava alla luce del sole. Quando vi fu davanti, vide che l’arco era chiuso da un cancello che sembrava di madreperla e che la strada che portava al cancello sembrava di oro puro. Con il cane s’incamminò verso il cancello, dove a un lato c’era un uomo seduto a una scrivania.
Arrivato davanti a lui, gli chiese:
– Scusi, dove siamo?
– Questo è il Paradiso, signore, – rispose l’uomo.
– Wow! E non si potrebbe avere un po’ d’acqua?
– Certo, signore. Entri pure, dentro ho dell’acqua ghiacciata.
L’uomo fece un gesto e il cancello si aprì.
– Non può entrare anche il mio amico? – disse il viaggiatore indicando il suo cane.
– Mi spiace, signore, ma gli animali non li accettiamo.
L’uomo pensò un istante, poi fece dietro front e tornò in strada con il suo cane.
Dopo un’altra lunga camminata, giunse in cima a un’altra collina in una strada sporca che portava all’ingresso di una fattoria, un cancello che sembrava non essere mai stato chiuso. Non c’erano recinzioni di sorta.
Avvicinandosi all’ingresso, vide un uomo che leggeva un libro seduto contro un albero.
– Mi scusi, – chiese. – Non avrebbe un po’ d’acqua?
– Sì, certo. Laggiù c’è una pompa, entri pure.
– E il mio amico qui? – disse lui, indicando il cane.
– Vicino alla pompa dovrebbe esserci una ciotola.
Attraversarono l’ingresso ed effettivamente poco più in là c’era un’antiquata pompa a mano, con a fianco una ciotola. Il viaggiatore riempì la ciotola e diede una lunga sorsata, poi la offrì al cane. Continuarono così finché non furono sazi, poi tornarono dall’uomo seduto all’albero.
– Come si chiama questo posto? – chiese il viaggiatore.
– Questo è il Paradiso.
– Beh, non è chiaro. Laggiù in fondo alla strada uno mi ha detto che era quello, il Paradiso.
– Ah, vuol dire quel posto con la strada d’oro e la cancellata di madreperla? No, quello è l’Inferno.
– E non vi secca che usino il vostro nome?
– No, ci fa comodo che selezionino quelli che per convenienza lasciano perdere i loro migliori amici.

Racconto trovato sul web.

orme-sulla-neve

.

Segui le mie orme per un chilometro prima di giudicarmi.

(J. C. Oates)

…Ad Auschwitz c’era la neve
il fumo saliva lento
nel freddo giorno d’inverno
e adesso sono nel vento…

(F. Guccini)

cielo-e-ballerina-1

Dal romanzo autobiografico del fisico nucleare olandese Jona Oberski intitolato “Anni d’infanzia. Un bambino nei lager.” da cui Roberto Faenza ha tratto il film “Jona che visse nella balena”  il racconto della vita nel lager di Jona, deportato  a solo 4 anni di età…

La cucina (cliccate)



shoah-61

animati_bianchi009.gif

Blowin’ in the Wind

Quante strade deve percorrere un uomo prima che si possa chiamarlo “un uomo”?
Quanti mari deve valicare una bianca colomba prima di dormire sulla sabbia ?
E per quanto tempo ancora dovranno volare le bombe prima di essere bandite per sempre?
Quanti anni può resistere una montagna prima di immergersi nel mare?
Quanti anni può resistere certa gente prima di essere lasciata libera?

La risposta, amico mio, si disperde nel vento.

Quante volte un uomo può voltarsi dall’altra parte fingendo di non vedere?
Quante volte un uomo deve alzare gli occhi prima di vedere il cielo?
Di quante orecchie ha bisogno un uomo per poter sentire qualcuno che piange?
E quanti morti gli occorrono per sapere che è già morta troppa gente?

La risposta, amico mio, si disperde nel vento.

[Bob Dylan]

Pagina successiva »