marzo 2009


Una leggenda sulla grandiosa piramide di El Tajín eretta dai totonacas, gli indigeni che occupavano il territorio di Veracruz in Messico.

prova-piramide-1

Raccontano i vecchi che fra Totomoxlte e Coatzintlali c’era una caverna dove gli antichi sacerdoti avevano eretto un tempio dedicato al dio del Tuono, della pioggia e delle acque dei fiumi.

In quei lontani tempi ancora nulla si sapeva degli spagnoli né dei grandi Totonacas, che vissero in questo territorio che assunse il nome di Totonacan.

Sette sacerdoti si radunavano ogni volta che si doveva coltivare la terra, seminare e raccogliere i frutti.  Sette volte invocavano gli dei e intonavano canti in direzione dei quattro punti cardinali, perchè secondo i loro calcoli esoterici, quattro per sette erano 28 e 28 sono i giorni che compongono il ciclo lunare.

Questi vecchi sacerdoti suonavano il gran tamburo del tuono, trascinavano pelli secche di animali per tutta la grotta e lanciavano freccie infuocate al cielo. E poco dopo, assordanti e furibondi tuoni riempivano lo spazio ed i lampi accecavano gli animali della foresta e le specie acquatiche che vivevano nei fiumi.

Pioggie torrenziali e temporali si abbattevano sopra la grotta per molti giorni e notti e certe volte persino i fiumi Huitizilac e Papaloapan (quello delle farfalle) straripavano coprendo d’acqua e fango le sponde e causando enormi desastri. E più trascinavano le pelli più rumorosi erano i torrenti e più si colpiva il gran tamburo di cerimonie, maggiore era il rumore dei tuoni e più freccie infuocate si scagliavano, maggiore era il numero dei lampi.

Passarono i secoli… E un giorno arrivò un popolo vestito in modo singolare, con altri costumi, leggi e religione. Dicevano di venire dalle terre oltre il grande mare di turchese (il Golfo del Messico) e uomini, donne e bambini sorridevano sempre come se fossero gli essere più felici della terra. Forse questa gioia  era dovuta a che dopo tutta la  mancanza di cibo sofferta nelle acque burrascose del convulso mare erano finalmente approdati sulle coste tropicali dove c’era di tutto,  frutti ed animali di cacciagione, acque e clima splendido. Si stabilirono in quel luogo al quale dettero il nome, nella loro lingua, di Totanacan e loro stessi si dissero totanacas.

Ma i sacerdoti, i sette sacerdoti della caverna del tuono, non erano d’accordo con quell’invasione di stranieri portatori di una gran cultura e andarono nella grotta a produrre tuoni, lampi, fulmini e pioggie torrenziali con il fine di impaurirli.

Piovve molto per parecchi giorni e notti, fino a che qualcuno si rese conto che questi temporali erano provocati dai sette stregoni, i sette sacerdoti della caverna dei tuoni.

Non essendo amici della violenza, i totonacas li misero in una piccola barca e rifornendoli di provviste ed acqua li misero nel mare dei turchesi dove si persero le loro tracce per sempre.

Ma ora c’era bisogno di dominare questi dei del tuono e delle pioggie per evitare la distruzione del popolo totonaca e così si radunarono i saggi, i sacerdoti e le più autorevoli personalità decidendo che nulla poteva farsi contro quelle forze che oggi noi semplicemente chiamiamo naturali e che sarebbe stato meglio rendergli culto, adorare questi dei e pregare ed intercedere per la loro magnanimità verso questo popolo appena scampato al mostruoso disastro.

Ed in quello stesso luogo dove sorgeva il tempio e la caverna e si esercitava il culto al dio del tuono, i totonacas o “uomini sorridenti” eressero lo straordinario tempio del Tajìn, che nella loro lingua vuol dire “luogo dei temporali”. E non soltanto si rese culto al dio del tuono ma lo si implorò per 365 giorni, tanti quante le nicchie del monumento, invocando il buon tempo nell’epoca dell’anno che serviva e la pioggia quando è utile per rendere fertile le sementi.

Oggi questo meraviglioso tempio noto in tutto il mondo come piramide o tempio di El Tajín si erge nel luogo dove curiosamente sembrano generarsi i temporali, i tuoni e le piogge torrenziali.

Così nacque la piramide di El Tajín, eretta con venerazione e rispetto al dio del tuono, adorato da quelle genti che vissero molto prima dell’arrivo degli stranieri, quando il mondo sembrava cominciare ad esistere.

Fonte: www.redmexicana.com

Annunci

Ricorda… potrai diventare una persona matura e molto sofisticata… ma non potrai mai rinunciare alle uova di cioccolata!  🙂 693011911

(dal web)

6959dessert-ad-ii-posters1

Piove da ieri, è grigio e triste…non è il miglior pomeriggio che si potesse desiderare per una domenica ma spero che nonostante la pioggia sia un… 🙂

prova-pioggia-finale

.

… ma caso mai vi trovaste annoiati e uggiosi come la giornata un video di animazione può essere di aiuto,  sopratutto se state per far merenda 😀

Eccoci di nuovo 🙂 … non si esce da una festa che si sta già entrando in un’altra post-444-1171385445.gif … E come sempre abbiamo aggiornato la nostra gallery con cards appena sfornate prova-cuoca che vi presentiamo in anteprima in uno slide… Queste e moltissime altre le trovate nella  Gallery di Pasqua

.

Ma dolce il mio orecchio ha colto un suono;

proveniva da quel bosco laggiù.

Sì, è lui, l’uccello solitario, che in disparte

da tutti i suoi simili,

lento sgrana il suo rosario monotono

al mite vento di ponente.

Cucù-Cucù, canta di nuovo, le sue note

sono sgraziate,

ma anche le più semplici creature sanno

far risuonare le profonde corde del cuore.

(Motherwell)

cuculo

Ecco…con questo video vi do la… BUONANOTTEEE !!! 😉

Bad Eggs – Short Animation

Beh, come potevo non acchiappare questa occasione per colorare ancora..? 😀

Il perido pasquale, si sa, è caratterizzato dalle uova colorate e anche se io, da piccola, le uova le ho più che altro mangiate… 😆 quelle di cioccolato, mi ricordo che qualche volta mi sono anche divertita a colorare quelle vere, facendole bollire insieme a dei fiori blu (non ricordo il loro nome 😐 ) ed il risultato era anche carino… 🙂 ma ora questo nuovo metodo mi piace molto… 😀 anche se le uova, purtroppo, sono solo virtuali. 😦

Eccovi quello che sono riuscita a fare…anche con qualche gallinella e pulcino e coniglietto… 🙂 insomma un’allegra brigata tutta colorata e presto anche glitterata… da Sol. 😀

(le cards glitterate sono nella Gallery di Pasqua)

easter_eggs_02

chick_in_easter_egg

chick

chick_in_easter_egg_2

easter_basket_021

.

Pagina successiva »