Ma dolce il mio orecchio ha colto un suono;

proveniva da quel bosco laggiù.

Sì, è lui, l’uccello solitario, che in disparte

da tutti i suoi simili,

lento sgrana il suo rosario monotono

al mite vento di ponente.

Cucù-Cucù, canta di nuovo, le sue note

sono sgraziate,

ma anche le più semplici creature sanno

far risuonare le profonde corde del cuore.

(Motherwell)

cuculo