aprile 2009


Anche questa primavera Messer Tulipano regna sovrano nel parco del castello di Pralormo trasformandolo in un giardino incantato pieno dei colori di migliaia di tulipani fioriti. Essendoci stata l’anno scorso e rimanendo incantata dalla visita di parco e castello avevo intenzione di tornare possibilmente in una giornata con un bel sole che rendesse ancora più magici i colori dei fiori.

dscn0001-4-ridotte dscn1309-1-ridotta dscn1305-1-ridotta dscn1314-ridotta

Nonostante  avanti  ieri, come per tutto il resto della settimana, fosse prevvista la pioggia,  il sole invece sorrideva in tutto il suo splendore e al posto dell’attesa pioggia ci siamo trovati una bellissima giornata di primavera che ha reso irresistibile la voglia di andare a dare un’occhiata di persona ai tulipani fioriti. Ci promettevamo fra l’altro un pomeriggio di tulipani e relax nel  parco: essendo mercoledì  sicuramente saremmo stati non in tanti ad andarci.

dscn1316-1-ridotta dscn1303-ridotta dscn1317-2-ridotta dscn1315-ridotta

Viaggio tranquillo con poco traffico e nessuna coda di attesa per il biglietto. Nel  parco, al posto della bellissima anfora che l’anno scorso versava fiori, si viene accolti da una gran torta rosa fiorita che festeggia il decimo anniversario di questa manifestazione e si accorda al tema di questo anno: il gusto.

dscn1302-ridotta albero-delle-tazze-ridot-2 dscn1346-1-ridotta dscn1322-ridotta

Il tema del gusto investe ogni angolo del parco: dalla sorprendente pioggia di tazze sotto il bellissimo grande albero secolare del viale principale 😮 , da me confusa da lontano con un’ aiuola di tulipani bianchi, alle stoviglie “piantate” fra le violette nell’erba vicino alle aiuole di tulipani; alla collezione di menù e la rappresentazione dei vari momenti delle nostre giornate in cui il gusto è protagonista nell’antica Orangerie. L’angolo della colazione, del picnic, dell’aperitivo, del pranzo… sono rapresentati con ambientazioni molto ben riuscite  sotto  lampadari  ricoperti di rami e foglie.

dscn1331-ridotta dscn1324-ridotta questa-pralormo dscn1339-ridotta

In particolare io mi sono innamorata dell’angolo della cioccolata.  C’erano delle tazze piene di cioccolata che traboccava ed un rigagnolo di ciocolata che cadeva fra due pile di tazze sporche…Io ero convinta che fossero vere, ne sentivo anche il profumo,  ed ho dovuto toccare le tazzine per constatare che non era cioccolata calda vera! 😦

dscn1328-1-ridotta dscn1329-ridotta dscn1333-ridotta dscn1326-ridotta

Fuori dell’Orangerie, nella cesta piena di aranci e fiori,  la scarpa del cuoco e poi l’albero dei grembiuli e busti di cuochi con pensieri culinari  scritti nel grembiule messo sotto…  🙂  Ci sono i viali golosi con busti scultorei ornati da cappelli di cuoco; l’angolo del cibo delle fate, streghe e personaggi del bosco; il tappeto di agrumi; i segreti della cucina dei monasteri nella Cappella e le meravigliose aiuole di tulipani splendidi di forme, misure e colori diversi… un autentico spettacolo da vedere 🙂

dscn1344-ridotta dscn1345-ridotta dscn1345-1-ridotta

Ad un certo punto, arrivati alle scuderie ed entrati a vedere i vari prodotti ed articoli in vendita, ci è venuto voglia di prendere un caffè al bar. C’era un bellissimo sole e faceva caldo ma entrando nel bar ho visto una nuvola nera… Appena pochi minuti erano passati… quando si è sentito un tuono ed immediatamente è incominciata una furiosa pioggia, tramutatasi subito in grandinata… Siamo stati bloccati per un bel po’ fino a quando è diminuita la pioggia almeno da poter uscire e correre fino alla più vicina uscita e raggiungere la macchina. E’ stato un peccato ma non abbiamo potuto finire completamente tutto il percorso, ci era rimasto ancora qualche angoletto del parco da scoprire ma alla fine i metereologi avevano ragione,  anche se solo a Pralormo a quanto pare, perchè appena lasciato Pralormo tutto era asciutto ed era ancora chiaro e soleggiato… Purtroppo la nuvoletta di Fantozzi sembra averci voluto rovinare un bellissimo pomeriggio fra i tulipani… pioggia

dscn1323 dscn1350-ridotta dscn1358-1-ridotta

Abbiamo moltissime foto di quei meravigliosi tulipani… Il mio fotografo personale, Luigi,  🙂 li ha portati in immagine  a casa per poterli riguardare e poterne mettere qualcuno in questo slide…. 🙂

.

.

altri:

…pensando all’estate 🙂

lucciole-finale-a

Aspettiamo la stella del mattino

dall’ala bianca che viaggia nelle tenebre,

primo annuncio del sole.

(Jone di Ceo)

.

36932-big

 

 

.

se-laria

.

Se l’aria mi raccontasse di te

vorrei perdermi per sempre nel vento.

Lì ascolteri le tue parole e i tuoi sospiri,

lì sarei vicino alla tua anima

e al calore del tuo cuore

(Eugenio Montale)

Pensieri di Luna e Sol ( semiseri ma sinceri)… 🙂

0016…Questa volta abbiamo deciso di condividere un gran bell’uovo di Pasqua che, simbolicamente almeno, vorremmo dividere anche con tutti voi ma non sapendo bene i vostri indirizzi per ora…avrei pensato d’iniziare raggiungendo Luna col mio dolce carico… Ho la mia fidata “fuori serie” e come un fulmine la raggiungerò… almeno, spero….

.

nonna-pasqua-per-post-1

Certo Sol, hai avuto una gran bella idea 🙂 e soprattutto ad iniziare da me 😀 che  ti aspetto con impazienzaaaa !!! 😆

Una Pasqua perfetta, ancora insieme… 🙂

nonna-pasqua-per-post-2

.

Tra uova e colombe 😀 vi auguriamo….

scritta-uovo-finale

.

alla-zampa

.

Alla zampa di ogni uccello che vola è legato il filo dell’infinito.

(Victor Hugo)

No, tranquilliii ! 🙂 Non è uno dei tanti viaggi organizzati e, per la verità, non è neppure un viaggio. 😮

E’ solo che mi sono andata a cercare sul web qualche notiziola su quest’isola e sui misteri che tuttora l’avvolgono… unsure.gif

E’ Pasqua…e sarebbe bello essere proprio sull’Isola di Pasqua 😀 ma non potendo nella realtà…ci andiamo leggendo di “teste di pietra”, di “orecchie lunghe”, di “orecchie corte”…addentrandoci nei misteri dell’ “ombelico del mondo”. 😉

animati_bianchi031.gif

isoladipasqua

In molti mappamondi e atlanti geografici l’Isola di Pasqua, Rapa Nui, appartenente al Cile, nemmeno appare. Eppure, questa isoletta insignificante di appena 162 kmq è uno dei luoghi più famosi del mondo in materia di misteri. Fu scoperta nel 1686, ma solo nel giorno di Pasqua del 1722, l’ammiraglio olandese Jacob Roggeveen, ebbe il coraggio di sfidare i bellicosi indigeni con un’esplorazione vera e propria; sull’isola c’erano enormi teste in pietra, i “MOAI”, considerati dagli indigeni con grande disprezzo.

Attualmente ve ne sono circa 600. Più della metà, al momento della scoperta, erano stati rovesciati, altri giacevano incompiuti nelle cave. Si ritiene che un gran numero di MOAI siano stati gettati in mare o distrutti dagli indigeni e in tempi recenti altri siano stati rubati. Quel che oggi rimane in piedi della schiera di MOAI, nella loro posizione originaria, si erge con le spalle al mare e guarda verso l’interno dell’isola. Le sculture più grandi, alte 20 metri, sono rimaste incompiute e giacciono nelle cave del vulcano Rano Kao, tuttora circondate dagli utensili necessari alla loro realizzazione. Riproducono quasi ossessivamente lo stesso modello (forse un antenato divinizzato) e originariamente erano dotati di un copricapo rosso. L’isola stessa è un mistero impenetrabile: come hanno fatto gli indigeni a raggiungere un luogo così lontano con strumenti di navigazione tanto primitivi?

 

La popolazione del luogo considerava l’isola “TE PITO TE HENUA” (l’ombelico del mondo) in quanto ritenevano di essere tutto ciò che restava al mondo in termini di sopravvissuti e di terre emerse, dopo il diluvio e la distruzione universale.

 

Sperduta nell’Oceano Pacifico, l’Isola di Pasqua nasconde, un grande numero di misteri e forse molti non sarebbero tali se, nel 1862, i trafficanti di schiavi peruviani non avessero deportato gran parte dei suoi già scarsissimi abitanti.

Quando infatti si cominciò a studiare l’isola da un punto di vista antropologico e storico, la sua struttura sociale era completamente distrutta e l’origine della sua scrittura dimenticata insieme a quella degli affascinanti “MOAI”, i grandi volti di pietra.

 

Tutte le informazioni che ora possediamo sull’isola giungono da una tradizione ormai confusa e contraddittoria. Secondo gli isolani superstiti, nell’isola abitavano due differenti razze: le “Orecchie Lunghe”, che provenivano dall’est, e le “Orecchie Corte”, che venivano dall’ovest.

Le Orecchie Corte erano sottoposte alle Orecchie Lunghe, finché, in una data situabile tra il 1680 e il 1774, le Orecchie Corte si ribellarono, massacrarono le Orecchie Lunghe e abbatterono gran parte dei MOAI.

 

 L’isola dei misteri 

 Chi erano le Orecchie Lunghe e le Orecchie Corte? Con ogni probabilità provenivano da aree diverse del Pacifico e appartenevano a ceppi etnici differenti; ma perché si erano rifugiati proprio in quella piccola isola e come mai erano rimasti così in pochi? Chi aveva edificato i MOAI, a che scopo e con che mezzi?

La scultura dell’isola di Pasqua può essere divisa in tre periodi di cui il primo, forse, inizia intorno al 300 d.C. Allora l’architettura era caratterizzata da statue di media grandezza e osservatori solari.

I “testoni” (secondo periodo) cominciarono ad apparire intorno al 1100; erano, e sono tuttora, appoggiati su piattaforme chiamate “AHUS”, spesso costruite con pietre ricavate abbattendo gli osservatori (il terzo periodo è associato con il culto di un dio uccello, rappresentato in diverse piccole sculture di legno e di pietra).

Il MOAI più grande è alto venti metri e pesa circa 82 tonnellate: come poteva un popolo assai poco sviluppato tecnologicamente costruire simili colossi? Per quanto riguarda la scrittura (chiamata Rongo – Rongo, costituita da simboli e mai decifrata), perché presenta sconcertanti analogie con i segni che compaiono su certi antichi sigilli ritrovati in Pakistan?

Inutile dire che questi misteri hanno scatenato la fantasia di molti.

Per alcuni l’Isola di Pasqua avrebbe fatto parte del continente MU, e sarebbe stata collegata ad Asia e Americhe da immense GALLERIE. Dopo che MU si inabissò nelle acque del Pacifico, i sopravvissuti (appartenenti, appunto, a vari ceppi etnici) vi sarebbero rimasti isolati. E la loro scrittura sarebbe proprio la stessa usata nella valle dell’Indo, in quanto MU costituiva una specie di ponte sul Pacifico, come ATLANTIDE lo costituiva sull’Atlantico.

In realtà qualche enigma dell’isola di Pasqua è stato svelato: nel 1955 l’esploratore Thor Heyerdahl riuscì a mettere in piedi un MOAI in diciotto giorni, con l’aiuto di dodici nativi e, come unici strumenti, tronchi e pietre.

E’ dimostrato, dunque (ma non è detto che sia successo realmente), che anche la modesta tecnologia locale avrebbe potuto realizzare quelle opera imponenti

 

Da: http://www.cerchinelgrano.info

 

animati_bianchi031.gif

I misteri dell’isola di Pasqua

« Pagina precedentePagina successiva »