Siamo ormai in autunno e l’uva è arrivata sulle nostre tavole  e, anche se ancora non si sente nel ‘aria “l’aspro odor dei vini” 🙂 , i filari di viti carichi  di grappoli maturi nascosti tra i pampini… 😀 0012 mi fanno venire in mente la mitica figura di Bacco.

Bacco è il nome con cui viene identificato nella mitologia latina il dio greco Dioniso che è il dio del vino.

Bacco_michelangelo

Bacco, Michelangelo, Museo nazionale del Bargello, Firenze

IL MITO

Nella mitologia greca Diòniso (o Dionìso) è la più importante divinità terrestre.

Diòniso è l’unico tra i celesti che non abbia avuto due dei come genitori. Ebbe per padre Zeus e per madre la mortale Semele, figlia di Cadmo re di Tebe. Quando Seleme incinta morì prematuramente, Zeus, le tolse dal grembo Dioniso e se lo cucì in una coscia dove lo tenne fino alla nascita.

E’ noto soprattutto come dio del vino in quanto si dice che inventò l’arte della sua fabbricazione  e dell’umidità della terra che porta i frutti a maturazione. Col tempo, è diventato famoso anche come dio del benessere e della civiltà e come dio della gioia e dell’allegria. Gli si attribuiva l’arte divinatoria e la proprietà di guarire i mali

A seconda dell’epoca e degli artisti è rappresentato in vari modi: ora come un ragazzino di bell’aspetto, ora come un giovane barbuto e robusto, ora come un vecchio grasso e buffonesco.

dioniso_fontana

Fontana di Dioniso, Giardini di Boboli, Firenze

Spesso è adornato da tralci e grappoli d’uva e d’edera. Infatti erano sacri a Dioniso la vite e l’edera e fra gli animali il delfino, la lince, la tigre, il leone ed il caprone.

dioniso_caravaggio

Dioniso, Caravaggio-Galleria degli Uffizi, Firenze

Tratto da: http://www.elicriso.it

V

Annunci