ottobre 2009


Un augurio a tutti,  per una vita colorata con gli splendidi e caldi colori dell’autunno 🙂

buonweautunno 3

Quest’anno volevo che tutto fosse perfetto per il tuo compleanno e per farti auguri davvero speciali lighten mi sono rivolta persino a chi dice di prevedere il futuro  … Speravo avesse belle notizie da riferirti… ma, si, notizie me ne ha date anche se a dir il vero forse non erano poi quel granché… shocking

hblotsof candles

…Poi ho pensato di baking prepararti una bella torta, buonissima ovvio e possibilmente la più bella….

la torta a finale

…a questo punto preparare la festa al meglio era la seguente tappa22fiesta

festa marta finale

ed ora non mi rimane che ringraziarti per la tua amicizia, per condividere con me sorrisi e tristezze, posts, cartoline e gallerie e tanto tempo della tua giornata  smilebeijo3ed augurarti una vita gioiosa e luminosa almeno quanto lo è la tua bella torta con tutte le candeline accese laugh

TORTA FESTA MARTA FINALE

Il lamento degli alberi

L’autunno cominciò precocemente, quell’anno: un settembre piovoso e freddo seguiva all’agosto torbido di uragani. La vegetazione risentiva già la vecchiaia, ma nelle ore di sereno, pareva si ribellasse e che tutto fosse finito; e si coloriva d’oro e di rosso.

Cade una foglia che pare tinta di sole, che nel cadere ha l’iridescenza d’una farfalla: ma appena giunta a terra, si confonde con l’ombra, già morta.

È bastato il fruscìo per scuotere tutto l’albero, che comincia a lamentarsi. D’albero in albero, il lamento si estende. Giù tutte le foglie! E con le foglie cade anche qualche frutto: la pigna si spacca e i pignuoli le si staccano e cadono come i denti dalla bocca del vecchio.

I rami più alti, con ancora le foglie verdi, si sbattono in una lotta leggera; alcuni dicono di sì, altri di no: e i primi si sbattono contro i secondi, per spogliarsi più presto, flagellandoli con crudeltà, poi tutto di nuovo si placa, in una stanchezza dolce, rassegnata.

Ma quando il velo del crepuscolo ricopre ogni cosa, il lamento ricomincia, e dà l’impressione che davvero la natura sia malata e non possa sopportare oltre in silenzio il suo dolore.

Grazia Deledda, Romanzi e novelle- Mondadori

.

foglie d'autunno



la vita è come suonare 1

.La vita e’ come suonare

un assolo di violino in pubblico

imparando mentre lo si esegue

a suonare lo strumento

(Samuel Butler)

spider wallpaper 640x480 bats-wallpaper new-640x480 sfondo luna piccolo

640 x 480………………………..…..640×480………………..….640×480

800 x 600……………………….….. 800×600…………………..800×600

1024 x 768…………………………..1024×768…………………..1024×768

.

sfondo fantasmino piccolo zucchewallp-new1 640x480 sfondo cappello e scopa piccolo

640 x 480.……………………….…..640×480………………..….640×480

800 x 600…………………….….. 800×600…………………..800×600

1024 x 768..…………………………1024×768…………………..1024×768

.

cappello wallpaper 640x480 corret fantasmino wallpaper 640x480 cat wallpaper 800x600 corretta

640 x 480………………………..…..640×480………………..….640×480

800 x 600……………………….….. 800×600…………………..800×600

1024 x 768…………………………..1024×768…………………..1024×768

.

ragnetti wallpaper new 640x480 ragnatela wallpaper 640x480 luna gialla wallpaper 640x480

640 x 480.……………………….…..640×480………………..….640×480

800 x 600……………………….….. 800×600…………………..800×600

1024 x 768…………………………..1024×768…………………..1024×768

Potete trovare questi sfondi con altre nostre nuove cards, nella Gallery di Halloween  2, cliccando nel Menù a destra su “FESTIVITA’ e RICORRENZE”.

.

MG_minigifs447

Come mettere gli sfondi nel vostro pc

Per chi ne avesse bisogno, ecco come fare:

Una volta che avete scelto lo sfondo, cliccate sulla  misura più adatta al vostro pc e salvate lo sfondo.

Cliccate sullo sfondo salvato e poi sulla finestrella ” imposta come sfondo del desktop”…lo sfondo apparirà sul vostro schermo. 🙂

E se cambiate idea? 😮 Niente paura… 😀 Potete scegliere un altro sfondo e procedere come sopra, oppure cliccate sullo sfondo che avete nel desktop col tasto destro del mouse e poi su proprietà.

Nella finestra che vi appare cliccate in alto su desktop e potrete così rimettere lo sfondo che avevate prima.

.


« Pagina precedentePagina successiva »