giugno 2011


Su “Linea Blu” di sabato 25 giugno, Diamante  “La Città dei Murales” è stata la protagonista della puntata.

Questa cittadina della Calabria, oltre ai peperoncini ed ai cedri, è ormai famosa soprattutto per i suoi murales che sembrano ormai essere davvero tanti…sui 300. 😮

Vedendo quelle immagini stupende, avrei voluto davvero essere lì, a passeggiare tra i vicoli, ma non potendo ho pensato di documentarmi un pò cercando sul web e “sognando” così la mia vacanza estiva. 🙂

Fu la scrittrice Matilde Serao a coniare per Diamante la definizione di “perla del Tirreno”.

“Ancora oggi Diamante appare come un luogo dal fascino senza tempo, una gemma dalle infinite ricchezze paesaggistiche e naturali che offre al visitatore sempre nuove sensazioni. Dai profumi inebrianti di una natura incontaminata che sa di montagna ma si specchia nel mare, ai sapori decisi della cucina locale.  E poi i colori, quelli vivaci dei “murales” che rivestono le pareti del centro storico ma soprattutto quelli che la natura ha donato generosa a questo lembo di Calabria, dal verde dei pregiatissimi cedri al rosso infuocato delle corone di peperoncino, appese come amuleti alle porte di tutte le case del paese, dalle mille sfumature del mare che qui si tinge d’azzurro e di viola fino al bianco argenteo delle lunghe spiagge di sabbia e ghiaia.

E proprio i murales sono diventati una delle caratteristiche principali di Diamante, tanto da procurarle l’appellativo di “Città più dipinta d’Italia”. Da oltre venti anni, infatti, Diamante si è trasformata in una suggestiva galleria d’arte a cielo aperto grazie ai murales che arricchiscono i diversi angoli del paese. La singolare iniziativa si deve al pittore e scultore Nani Razzetti che, volendo rivitalizzare il bellissimo centro storico della cittadina calabrese, pensò ad una nuova attrazione che da un lato desse ai turisti un motivo in più per visitare questa località e che dall’altro facesse rinascere nella gente del luogo il gusto della conservazione e della valorizzazione del proprio passato. Dal 1981, anno della prima edizione dell’Operazione Murales, ogni estate l’iniziativa richiama a Diamante centinaia di artisti provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo che arricchiscono di nuovi dipinti le mura del centro storico del paese e nello stesso tempo provvedono a sottoporre a minuziosi interventi di conservazione i murales preesistenti. Tutto questo fa di Diamante una città cantastorie, in cui i muri raccontano il secolare rapporto tra l’uomo ed il mare, leggende locali e storie vissute, scene sacre e vicende terrene, costringendo i turisti a passeggiare per vicoli e corti con il naso all’insù alla scoperta delle tradizioni di questa terra”.

Fonte : http://www.ilportaledelsud.org/diamante.htm

.

Diamante murales

Ieri Torino, dopo la suggestiva fiaccolata sul Po, (peccato per la scelta poco felice, a parer mio, della musica che accompagnava 😦 ) ha salutato il suo patrono e festeggiato i 150 anni dell’unità d’Italia finendo con i fuochi artificiali sul Po.  Bellissimo il Monte dei Cappuccini che nel buio della notte sembrava sospeso in aria come un castello di fiabe nel suo bel colore blu…

Le immagini non sono un granché ma la musica ed i fuochi artificiali rendono Torino magica ed io non ho saputo resistere alla tentazione di postarle 😆

Non inizia bene il primo “Farò”  del nuovo sindaco di Torino.  Fassino ha già un duro lavoro da svolgere per essere all’altezza di quello che oggi era il protagonista non presente di questa festa nel ricordo di tutti che per tanti anni lo hanno visto sempre in prima fila in questa occasione:  l’ex sindaco Chiamparino.  E la strada, pare, già dall’inizio, sarà in salita perchè il farò è caduto dalla parte sbagliata e così quest’anno bisognerà “tirar su le braghe” e lavorare sodo per cambiare il destino di  quello che sembrerebbe un anno non particolarmente baciato dalla fortuna.

.

Per festeggiare il patrono San Giovanni  anche quest’anno nel pomeriggio la sfilata storica  ha percorso le vie cittadine  evocando, questa volta,  i 15o anni dell’unità e domani, culmine delle feste di Torino, i bellissimi fuochi artificiali sui Murazzi del Po…. 

A tutti voi ragazzi che domani andrete incontro alla vostra vita futura…e a tutti quei ragazzi di un tempo che vorrebbero volentieri tornare indietro e rivivere ancora la loro notte prima degli esami.. 🙂

.

.

Notte prima degli esami

Pagina successiva »