agosto 2013


Ieri leggendo sulla Stampa di Torino una notizia mi son fatta una sana risata, sembrava quasi un pesce d’aprile, ma si trattava della notizia vera di un gruppo di poliziotti che trovando in un orto piantine di marihuana si son visti inseguiti dalle pecore assai innervosite e ben poco amichevoli vedendo che quegli estranei in divisa si portavano via le piantine che abitualmente brucavano 😆

persecuzionepecorafinale

Ecco l’articolo completo

da Luna e Sol:

Volevamo invitarvi da noi a festeggiare ferragosto alla grande..ma si sa, la crisi non aiuta e così abbiamo puntato sulla quantità di un’ottima…acqua fresca 😀

.

agua fresca per ferragosto

.

gattofrecciafinal Trovate altre cards di buone vacanze e ferragosto cliccando qua nella sezione Saluti, auguri vari e ringraziamenti e nelle pagine successive.

Mamma e piccolo, il primo incontro (video)

20130814-221501.jpg

Ed anche questa volta, le nostre vacanze son state bellissime anche se soltanto virtuali 😮

… eh sì perché nel ormai lontano maggio, la mia amica Luna m’invitò a festeggiare il mio compleanno raggiungendola su di una bellissima spiaggia dove poter rilassarci nelle amache sotto le palme sorseggiando freschi beveraggi nei cocchi 😀

Impiegai forse un po’ troppo a raggiungerla, al punto che quando arrivai lì mi trovai una “Luna carboncino” 😮  nonostante avesse con se una valigia piena di protettivi prodotti solari da spalmarsi 😀  ma potevo esibire le mie “forme un po’ invernali” indossando il mio costumino nuovo? gif_animate_vacanze_03 Ovviamente no!! 😮

… e così partirono exercise gli esercizi forzati di ginnastica, la corsa agli acquisti perchè vuoi esibire il costumino con sapor di Liguria ed i vestitini cittadini là nei paradisi esotici? non sia mai!! chevelodicoafare E così quando la forma e il vestiario erano adatti ad una vacanza così speciale, piena di valigie, borse, borsoni e borsette 36473 raggiunsi Luna per dar fine a tutti i suoi solari antiscottatura e riaquistare in relax e letizie del palato tutti quei chiletti che con tanta ginnastica avevo perso 😮  … E furono belle vacanze da vero!!

Ora però, passato tanto tempo, delle vacanze virtuali ci rimangono solo lontani ricordi e non ci resta che organizzare al meglio le nostre vacanze casalinghe, dove al massimo ci diletteremo, se il sole sarà clemente, con qualche bella sessione di giardinaggio 44 piuttosto che con le stirate di camice, molto ma molto più adatte al clima invernale….

Sia come sia che dobbiate sognare come noi delle vacanze speciali mentre siete seduti al pc, spolverate, vi dedicate alla caccia dei negozi aperti ad agosto o stiate in qualche spiaggia o villaggio montano godendovele, vi auguriamo e ci auguriamo…

.

VACANZE13FINALOMB

.

gattofrecciafinal Trovate altre cards di buone vacanze cliccando qua e qua

.

Ed ora arriva “stige” che come un fiume infernale in piena ci riversera’ addosso aria caldissima dall’entroterra marocchino.. 😦

20130801-171804.jpg
In questa mia visione apocalittica…ho forse esagerato un po’… 😆
Il “vero” fiume Stige della Mitologia non ha niente a che fare col caldo, anche se non è certo il placido Don.. 😀
È un fiume che fa comunque paura e per questo rende bene l’idea di come possa essere questa nuova ondata di caldo… 😦
.
Nella mitologia

Nella mitologia era uno dei fiumi degli inferi: esso si estendeva in nove grandi meandri che formavano una palude, detta palude Stigia, che ostacolava la strada per arrivare al vestibolo dell’oltretomba.
Gli dei lo chiamavano a testimone nei loro giuramenti, ma la potenza del fiume era tale che essi stessi la temevano. Il giuramento sullo Stige era una formula inviolabile; se un dio era sospettato di mentire, Zeus prendeva una brocca di acqua di questo fiume e gliela faceva bere. Se Stige scopriva che aveva mentito, il dio passava un anno in coma e nove anni lontano dai simposi. Quando un dio lo invocava, metteva in gioco la relazione che lo unisce ai princìpi creatori.
Le sue acque avevano anche il potere di dare l’immortalità: secondo il mito, infatti, è qui che Teti immerse il figlio neonato Achille per renderlo pari agli dei, tenendolo però per il tallone che non fu quindi toccato dall’acqua, rendendolo vulnerabile.
.
Nella Divina Commedia

Come molti altri luoghi della mitologia classica, anche lo Stige è stato ripreso da Dante Alighieri nella Divina Commedia: qui il fiume diventa il quinto cerchio dell’Inferno, nel quale sono immersi gli iracondi e sommersi gli accidiosi.

20130801-173635.jpg
Fonte: Wikipedia

20130801-164436.jpg
.
E vi auguro che non siano solo un miraggio… 🙂