Arte


La primavera

L’inverno aveva rinfrescato anche
il colore delle rocce. Dai monti scendevano,
vene d’argento, mille rivoletti silenziosi,
scintillanti tra il verde vivido dell’erba.
Il torrente sussultava in fondo alla valle tra
i peschi e i mandorli fioriti. E tutto era puro,
giovane, fresco, sotto la luce argentea del cielo.

Grazia Deledda

——————————————————————————————————————–

#iorestoacasa ma mi riempio di…primavera !!! 🙂

Winter always turns to spring. L’inverno si trasforma sempre in primavera. (Buddha)

Adorazione dei Magi -GIOTTO (Cappella degli Scrovegni)

L’Epifania tutte le feste le porta via è un proverbio popolare a sfondo religioso, dato che si riferisce alla manifestazione di Gesù ai Re Magi, che nel corso delle generazioni ha subito varie modifiche e nuove versioni diffuse in varie parti d’Italia.

Significato

Poiché in genere la festa dell’Epifania (6 gennaio) è l’ultimo avvenimento relativo alla feste natalizie s’intende che non ce ne saranno più fino al carnevale o la Pasqua e per metafora la befana prende così le feste di natale e le porta via con sé.
In genere è anche l’ultimo giorno in cui tenere il presepe o l‘albero ed i relativi addobbi.

Presepe napoletano

Epifania e san Benedetto

«L’Epifania
tutte le feste le porta via
poi arriva san Benedetto
che ne riporta un bel sacchetto.»

Il giorno dell’Epifania ha nei secoli assunto la peculiarità di terminare il ciclo delle feste dell’anno liturgico, mentre il giorno dedicato a san Benedetto richiamava l’attenzione su quelle successive appartenenti al ciclo pasquale.

L’antichità del proverbio è attestata anche dal fatto che la festività di san Benedetto è stata spostata dal 21 marzo all’11 luglio, quindi dopo molto tempo dalla creazione del proverbio

Epifania e Annunciazione

«Epifania
tutte le feste manda via
e santa Maria
tutte le ravvia.»

In questo caso il proverbio è congruente con il calendario contemporaneo, in quanto la festa dell’Annunciazione mariana, cade il 25 marzo, preannunciando l’inizio di un nuovo ciclo di festività.

Annunciazione-Beato Angelico-Museo Nazionale Del Prado

Epifania e il vento

«Di Pasqua Epifania
il vento se ne va via.»

Nell’antichità, secondo una usanza tradizionale, tutte le più importanti festività venivano abitualmente definite con il nome di Pasqua. Il proverbio segnala la data dell’Epifania come spartiacque fra il periodo freddo, caratterizzato da forti venti gelidi, e quello più mite.

Da: Wikipedia

Cacciatori di graffiti

“East Side Gallery” a Berlino

In quest’ora che s’indovina afosa.
Sopra il tetto s’affaccia
una nuvola grandiosa.
(Eugenio Montale)

a07591b108dec5eadba9c68c92a677cd

 

 

Pagina successiva »