Pensieri


Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perché i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti.
( Gilbert Keith Chesterton)

Dal libro: LE NOTTI BIANCHE

“Un giorno tu ti sveglierai e vedrai una bella giornata. Ci sarà il sole, e tutto sarà nuovo, cambiato, limpido. Quello che prima ti sembrava impossibile diventerà semplice, normale. Non ci credi? Io sono sicuro. E presto. Anche domani.”

FËDOR MICHAJLOVIČ DOSTOEVSKIJ

La primavera

L’inverno aveva rinfrescato anche
il colore delle rocce. Dai monti scendevano,
vene d’argento, mille rivoletti silenziosi,
scintillanti tra il verde vivido dell’erba.
Il torrente sussultava in fondo alla valle tra
i peschi e i mandorli fioriti. E tutto era puro,
giovane, fresco, sotto la luce argentea del cielo.

Grazia Deledda

——————————————————————————————————————–

#iorestoacasa ma mi riempio di…primavera !!! 🙂

Winter always turns to spring. L’inverno si trasforma sempre in primavera. (Buddha)

È uscita oggi dal letargo Ruga, la mia tartaruga. 🐢

lei sa bene cosa vuol dire “stare a casa”😊

Il suo letargo che per noi umani equivale forse a stare a casa forzatamente è durato tre mesi😳 ma ora eccola qua, più in forma che mai che riprende la sua solita vita tra erba e fiori. 🌼

In questi giorni seguiamo il suo esempio, prendiamoci una pausa e…andiamo in letargo 😊 finché la “primavera” non tornerà anche per noi.

Ruga, fiduciosa come sempre, ha aspettato il suo momento per uscire e conoscendo bene il proverbio che dice: “ chi va piano va sano e va lontano…” ora va tranquilla verso il sole.🌞

https://vimeo.com/397516568 (video)

#iostoacasa

L’ITALIA UNITA CE LA FARA’

Noi rapiti dalla paura, noi obbligati alla solitudine, noi nelle mani della scienza. noi grati alla scienza. Noi responsabili e coscienti, noi padri antichi sopravvissuti tra untori numerati. Noi figli del globale che al mostro ha offerto il viaggio dall’oriente come ai cellulari e a i giochi dei bambini. Noi che ora non cantiamo nei cori delle chiese e non spingiamo più alle code e al bar misuriamo il metro.

Noi che vediamo i nostri figli dormire un po’ di più e con fatica spieghiamo loro di questa festa triste. Noi che contiamo i morti e se è anziano, impareremo a non dire “ah ma se è anziano”.


Noi come gente semplice di un paese in guerra che il pericolo semplifica gli approcci ma questa volta annulla gli abbracci. Noi ci sosterremo con clemenza ed efficienza. Noi giocheremo per le strade libere a tana libera tutti. E ai nostri ricercatori porteremo fiori e più soldi in busta paga. 

Riapriremo alberghi e aziende. E guarderemo di nuovo, ma con stupore, l’azzurro del nostro mare e l’arte dei nostri abiti. Noi riapriremo la Scala, perchè all’alba vincerò! 

Noi che il futuro non sarà più quello di una volta faremo della paura di oggi la forza di domani. Noi che Leopardi è tra i libri di casa: “Ecco il Sol che ritorna, ecco sorride Per li poggi e le ville. Apre i balconi, Apre terrazzi e logge la famiglia: E, dalla via corrente, odi lontano Tintinnio di sonagli; il carro stride Del passegger che il suo cammin ripiglia.

Di Concita Borrelli e Giulio Mainenti.

..

Per ora noi che ce ne stiamo tranquilli a casa, ci guardiamo i tanti video che ci ricordano che l’Italia è così tanto bella che questo stop “virale” non fermerà la nostra voglia di ricominciare a fare progetti e andare per monti, mari, valli e…spiagge della nostra penisola. 🙂

ad una nuova stagione…

anche del Conero

Io che ho vissuto al tempo dell’Aviaria, di Ebola ma era lontana, io che ho vissuto al tempo della Sars ma è scomparsa quasi subito, io che non ho vissuto al tempo della Spagnola, io che non ho vissuto al tempo della Peste di manzoniana memoria, io che vivo ora il tempo del nuovo coronavirus Covid19 qui in Italia e in una Regione dove il virus cerca di entrare a forza, faccio una riflessione:

stai lontano da me !!!! 😦

è vero che, anche se facciamo ragionare il cervello e cerchiamo di ascoltare le informazioni ed i consigli di coloro che ne sanno sicuramente più di noi (di me sicuramente) e ce la mettono tutta per aiutarci e per aiutare la nostra bella Italia ad uscire da questa empasse, la paura ci sta sempre più entrando dentro ma soprattutto è l’ansia che sta ottenebrando la nostra razionalità e capacità di giudizio.

Il panico è sicuramente più devastante di qualsiasi virus pur non sottovalutando gli effetti deleterei di quest’ultimo.

Lo stiamo vedendo ora perché non siamo mai preparati ad un male che non conosciamo e soprattutto non possiamo vedere.

Ad un male che ci costringe ad abbandonare le nostre abitudini ormai consolidate e certe per nuove regole dai risultati a volte incerti.

Ma il passato ci può aiutare ed insegnare molto…a degli anziani in una casa di riposo è stato chiesto se avessero paura del virus ed hanno risposto: ” ma che pauraaa!!! Noi siamo quelli della Spagnola!

Ho trovato un articolo che se letto attentamente e tolte alcune parti più specifiche sull’argomento petrolio (è del 2008, niente a che vedere con il Nuovo Coronavirus) è quasi perfetto per quello che sta succedendo ora nel 2020.

view-source:http://aspoitalia.blogspot.com/2008/07/dalli-alluntore.html

Invidie, pregiudizi, ignoranza, spaccature tra cittadini, spaccature tra i Governi, spaccature tra le Nazioni, non sono anche essi un virus che si propaga?

Solo unità e buon senso (soprattutto a casa nostra) potrebbe essere il primo vaccino per il Covid19.

Conscia della gravità della situazione, io sono comunque ottimista…e una risata ogni tanto ci fa anche bene. 😀

Amici amanti dei gatti, oggi è la nostra giornata, la festa nazionale del gatto. 🙂 E’ stato scelto il mese di febbraio perché è sotto il segno dell’ Acquario, segno degli spiriti liberi e chi meglio del gatto lo potrebbe rappresentare? Il giorno 17 per sfatare che il gatto porti sfortuna. Se poi il vostro gatto è proprio del segno dell’Acquario, eccovi il suo Oroscopo 😀 :

GATTO ACQUARIO
(21 gennaio – 20 febbraio)

• Modernissimo e anticonformista, il gatto dell’Acquario è profondamente altruista, partecipa alle vicissitudini dei suoi simili con tutto se stesso e ama prendersi cura delle persone con cui vive. Ha un carattere molto dolce, è paziente e generoso però non vuole che gli si diano ordini. In casa ama controllare che tutto sia in ordine e al posto giusto. Dedica molto tempo alla cura del suo aspetto e ama essere spazzolato e coccolato. In primavera e poi in estate passa molto tempo in giardino o sul balcone, d’inverno, invece, adora guardare fuori dalla finestra e vedere cadere la neve, la pioggia, osservare il cielo. Il gatto Acquario ama la compagnia degli altri gatti e delle persone. Quando andate a dormire non chiudetelo fuori dalla vostra camera da letto. Il gatto Acquario ama stare con voi nelle ore notturne e proteggervi dai brutti sogni.

Te lo dirò in un’altra vita, quando saremo tutti e due gatti
citazione dal film: Vanilla Sky


 

Pagina successiva »