Oggi con la cremà finiranno las fallas de Valencia che quest’ anno hanno visto per la sesta volta ancora come vincitrice la falla di “Nou Campanar”  e, dopo una pausa di ben 12 anni invece, quella di “Convento Jerusalén-Matemático Marzal”  nelle “fallas” infantili.

Ci sono state curiosità e polemiche… mars-fallera

Per esempio il monumento di Nou Campanar che è costato una cifra record di 900.000 € 138-cazzarola.gif ha subito un arresto nei lavori dovuto alla crisi economica dell’allora presidente, è stato ultimato ed ha vinto nuovamente ma per l’anno prossimo le cifre a disposizione saranno sicuramente ridimensionate.

Assoluta novità di quest’anno è la falla d’importazione… blink.gif perchè quest’anno il monumento di “Vall de Laguar-Padre Ferris” è stato realizzato niente meno che in Argentina. L’autore, argentino, negli anni di residenza a Valencia si è guadagnato fama nella costruzione di questi monumenti così gli fu commisionato il monumento di quest’anno  ma essendo tornato nel frattempo nel suo paese, lo ha costruito lì.  Un controllo antidroga è costato a qualche ninot qualche buco non previsto post-1329-1169552797 e un viaggio di quasi un mese e misure più adatte al contenitore per il viaggio che ad altro, sono state curiosità che per ora lo rendono unico unsure.gif

Ma, ormai non c’è quasi tempo… i monumenti stanno per finire al rogo … perciò guardiamo qualche immagine dei ninots e dei monumenti de “las fallas 2009” trovata  nel web…

….viene da qua

Beh…a dire la verità ne avrei un altro di slide sulle “fallas”… ma è l’ultimoooo…tranquilliii…!

Ehm… se fosse per noi…ne guarderemmo altre mille di foto, vero Sol… ?! 😀

Comunque tu avrai bisogno di inumidirti la gola… prima di raccontare ancora un pò…così approfitto per mettere l’ultimo slide… 😀

Mi raccomando guardatelo sempre con…calmaaaa…! (upload lento)

.

…Continua qua

…viene da qua

Ok Sol… allora vado con il secondo slide sulle “fallas” di Valencia. 🙂

Ehm… se proprio hai fame… c’è qualche “rosetta” da mettere sotto i denti…! 😀 breads-128x128.png

Ma dopo aver visto lo slide…riprenderai a descrivere luoghi e tradizioni, vero? Perchè, se ben ricordo, di flashback ne abbiamo ancora parecchi… 😉

Anche questa volta..upload lentissimoooo… post-1329-11664865741.gif ma se cliccate sull’ultima iconcina a destra (View on Slideshare)…forse vedete tutto meglio e anche a schermo… grandeee… ! 🙂

….Continua qua

…viene da qua

Ma si che ho fameee, Sol… 😮 .. soprattutto se penso alla…paellaaaa…!!! paella_marisco.gif

Ma ora guardiamoci insieme altre bellissime figure di cartapesta… le “Falles” appunto, cartel_fallas_2008.jpg di cui mi sono innamorata… 😮 dopo che tu me ne hai parlato, forse perchè in un certo qual modo richiamano i nostri carri di Carnevale…anche se, tranne alcuni Ninot che vengono risparmiati, fanno davvero una brutta fine…con la Cremà…!!! 😦 E per fortuna che le abbiamo fissate qui… 🙂

Ok…allora sediamoci e guardiamoci questo primo slide….ma mi raccomandooo con calmaaa…(l’ upload è lentooo..) post-1329-11664865741.gif ma se cliccate sull’ultima iconcina a destra (Wiew on Slideshare)… potete vedere anche a…schermo grande… 😉

animati_bianchi009.gif

Soool…alloraaa…arrivaaaa sta paellaaa…??!! hmm.gif

…Continua qua

….viene da qua

animati_bianchi0092.gif

Ovvio che ricordo, Luna, quel giro per la città… come dimenticare questa bellissima città e le sostanziose “paellas”? gnam-gnam-finale.gif …. Sicuramente ricordi che….

800px-flag_of_the_land_of_valencia_official.jpg

Valencia è la terza città della Spagna per numero di abitanti, dopo Madrid e Barcellona. È il capoluogo della Comunità Valenciana ed è un importante porto sul Mar Mediterraneo.

escudo_oficial_valencia_ciudad.png

Fondata dai romani. è una bellissima città con un centro storico, risalente per la maggior parte al 400, che conserva monumenti dei suoi quasi 2000 anni di storia come le due torri del Serrano o la Plaza de la Virgen e la Cattedrale per fare solo qualche esempio.

torre-del-serrano.jpg catedral-plaza-virgen-valencia.jpg

Ma è anche una città proiettata nel futuro che negli ultimi anni si è quasi completamente trasformata facendo convivere nel centro storico avanguardia e tradizione con numerosi restauri avveniristici come l’Istituto Valenciano de Arte Moderna ed il Centro del Carmen, splendido esempio di restauro di un monastero rinascimentale ora consacrato all’arte moderna. Ma l’opera che più di tutte ha contribuito al rilancio di Valencia è la Ciudad de las Artes y las Ciencias 🙂 opera dell’architetto valenciano Santiago Calatrava che già aveva realizzato nel 1995 sul letto prosciugato del fiume Turia uno dei più eleganti ponti europei ed una stazione del metrò che sembra un’opera d’arte. rolleyes.gif

ciudad-artes-y-ciencias.jpg ponte-peineta.jpg fermata-metro-alameda-valencia.jpg

Ma nonostante la sua proiezione nel futuro ed il suo dinamismo Valencia non rinuncia alle sue tradizioni e così ogni giovedì a mezzogiorno in punto davanti alla Puerta de los Apóstoles della cattedrale si riunisce il Tribunal de las Aguas i cui giudici (antichi contadini avvolti in camicioni neri) ascoltano le ragioni dei contendenti (generalmente in materia di irrigazione) e poi, pur non avendo nessuna autorità giuridica, emettono una sentenza che è inappellabile. unsure.gif

foto_trib-aguas.jpg tribunal-de-las-aguas.jpg tribunal-de-las-aguas-de-valencia.jpg

Forma parte anche delle tradizioni la festa di San Juan (il 24 giugno) con decine di migliaia di persone che passano la notte nella Playa de la Malvarrosa attorno ad un falò e Las Fallas (dal 12 al 19 di marzo) in onore di San José. rolleyes.gif

.
Las Fallas sono enormi statue di cartapesta realizzate da artisti locali. Ogni quartiere costruisce la propria e le più alte arrivano anche ai 28 metri (come quella vincitrice dell’edizione appena finita). 😮 La notte del 19 queste enormi opere, simili ai carri di carnevale, vengono tutte bruciate (la cremá). Una enorme pira illuminerà a giorno la città. blink.gif

nou-campanar-2.jpg pilar-fallas.jpg lantiga-de-campanar-1.jpg

Quasi in ogni via della città c’è un Casal Faller, che durante tutto l’anno cerca soldi per poter pagare le feste ed il proprio monumento. Ognuna di queste associazioni ha una commissione infantile, formata da soli bambini, che fa anche la sua falla. 🙂 Las fallas infantili misurano, come masssimo, 3 metri di diametro.

Dal 1 di marzo si fanno mascletàs, spettacoli di botti e fuochi artificiali, che danno luogo a composizioni musicali col frastuono della polvere pirica. Le vie, illuminate a festa, partecipano ad un concorso che decreterà la più bella illuminazione. C’è la scelta della fallera mayor, i dolci ed i “bunuelos”, i costumi tipici e…..

20080307-mascleta-hnos-caballer-09.jpg calle-de-cadiz.jpg bunuelos-tipicos.jpg

La settimana “fallera” si dipana così… S’inizia il 15 con “la plantà”, cioè, vengono eretti questi “monumenti” che saranno poi giudicati per il conferimento dei premi secondo le categorie a cui appartengono.

2345371797_4f03853671.jpg 2-especial-noucampanar-a-premio-infantil.jpg s2a-poeta-alberola-totana-a-seccion-segunda-a-primer-p.jpg

Il 17 si svolge la “ofrenda a la Virgen de los Desamparados” (offerta di fiori alla patrona della città) che inizia nel pomeriggio e va avanti durante la notte ed anche al giorno successivo.

2342942823_a6f52d2766.jpg 17-marzo-ofrenda-de-flores-al-la-mare-de-dei-dels-desamparats.jpg fallera-infantil-flora.jpg

20070317-ofrenda-006.jpg 20080317-ofrenda-jvi-02.jpg rostro-virgen-ofrenda2-rost.jpg

Il 18 è la “Nit del Foc” ed ha luogo il più importante spettacolo pirotecnico.

2343423840_7d423d642f.jpg 1205965963_extras_ladillos_1_g_0.jpg

Il 19 con la “cremà”, preceduta della “cavalgata del fuego” (sfilata con spettacolare finale pirotecnico) finiscono “las fallas” ed iniziano già i preparativi per quelle dell’anno successivo.

cabalgata-del-fuego.jpg 20080319-crema-03.jpg 20080319-crema-08.jpg

Il totale di queste “fallas” (772 in quelle appena finite) 😮 si dividono in categorie a seconda di quanto sono costate e per ogni categoria s’organizza un concorso per scegliere la migliore. Si sceglie anche il miglior personaggio (ninot indultat) che si salverà dal rogo. 🙂

Ci sarebbero altre cose da dire ma ora ho una fame tremenda per cui rimandiamo alla prossima… Luna, ma tu non hai mai fame? gnam-gnam-finale.gif

animati_bianchi0092.gif

(foto Flickr)

…Continua qua….

La notte scorsa con la “cremà” sono finite las “fallas de Valencia” 2008, le feste popolari per eccellenza di quella città che si svolgono nelle principali vie e piazze cittadine.

crema-de-la-falla-infantil-pza-del-ayuntamiento-afp.jpg

(Afp foto)

Per chi non ne avesse mai sentito parlare, sono una specie di carnevale con carri allegorici, generalmente improntati all’ironia e alla critica del costume e la società, con spettacoli pirotecnici di ogni tipo e falò finale per risorgere dalle ceneri l’indomani stesso cominciando con nuove idee e proggetti per le “fallas” dell’anno a venire…

carri.jpg

Ma sono molto più di questo, sopratutto per i valenciani… Sono le feste di tutta una città ed i suoi abitanti ci lavorano tutto l’anno e ci spendono tanti soldi ed energie…

20080317-ofrenda-jvi-04.jpg

Le vie, come succede a Natale, vengono illuminate a festa e partecipano ad un concorso che decreterà la più bella illuminazione… C’è l’offerta di fiori alla Madonna, la scelta della fallera mayor, i dolci e “bunuelos”, i costumi tipici e tante altre manifestazioni….

iluminacion-sueca.jpg

“Las Fallas” si svolgono ogni anno dal 15 al 19 marzo anche se dal 1 di marzo ci sono già le “mascletà”, spettacoli di botti e fuochi artificiali che coi rumori “creano” composizioni musicali.

mascleta-questa.jpg

L’origine di questo spettacolo viene fatta risalire ad un antica tradizione dei falegnami che il giorno del loro patrono, San Giuseppe appunto, bruciavano i resti di segatura e legno inservibile per liberare spazio nelle loro botteghe. Il nome “falles” deriva direttamente dallo stesso termine che in valenciano medievale si usava per chiamare le torce che si mettevano nell’alto delle torri poste a difesa della città.

Tutti questi monumenti che bruceranno la notte del 19 marzo partecipano a un concorso per categorie (anche infantili, dato che pure i bambini partecipano a pieno titolo alla costruzione e realizzazione della fallas) che decreterà i trionfatori così come le figure (“i ninots”) che verrano (indultati) “salvati” dal fuoco ed andranno al Museo Fallero.

concha-piquer-ninot-salvat-de-jerusalen.jpg

L’edizione di quest’anno è stata disturbata da forti raffiche di vento che hanno messo in serio pericolo la stabilità dei monumenti ma, nonostante questo e la minaccia di pioggia dell’ultimo giorno, lo spettacolo di fuoco e giochi pirotecnici (2.300 chili di materiale pirotecnico controllato da 8 computers) che chiude queste feste si è potuto svolgere regolarmente con un record assoluto di presenze mai visto prima.

Ed a partire dalle 22 hanno iniziato a bruciare le “fallas” infantili, per proseguire poi dopo la mezzanotte con quelle adulte riempiendo Valencia di falò in ogni quartiere…

La “falla” vincitrice di quest’anno intitolata “Cuanto cuento” è stata quella di Nou Campanar, alla sua quinta vittoria consecutiva. E’ anche la più cara della storia con un preventivo di 900.000 euro. Quest’anno si sono bruciati a Valencia 772 “fallas” fra infantili ed adulte per un costo totale di 10.650.000 euro! 😮

nou-campanar-1.jpg

Fin qua le notizie di stretta attualità su questo evento e pochi dati per chi non ne avesse mai sentito parlare… Avrei voluto scrivere qualcosa per tempo su Valencia e le sue tradizioni più peculiari e sopratutto su queste feste ma il tempo corre e le fallas 2008 sono già passate alla storia… Ora ogni Casal faller avrà già incominciato a pensare e disegnare la sua nuova falla 2009! 🙂

1552100829_d904dee8c9.jpg

So che la mia amica Luna adora questi carri allegorici di carta pesta e che non vede l’ora di postare carri e “ninots” di questa ed altre edizioni perciò, fuori tempo massimo ormai, posterò ancora qualche notizia su Valencia e anche su queste feste per dare sfogo alla sua voglia di “farci vedere” queste bellissime “opere d’arte” . 🙂

(foto Flickr)

…. Continua qua….