…viene da qua

Serata oggi dei duetti dei big con altri artisti italiani; del verdetto finale per i giovani e di altri due eliminazioni fra i bigs. S’inizia con le prove dei balletti di Ivanka, così anche se sparisce per ore come ieri non ci dimentichiamo che forma parte del cast. 😀

          

Splendida apertura dopo la sigla d’inizio con il gran violinista David Garret (bello e bravo) e la ballerina senza braccia Simona Atzori che volteggia leggera sulla colonna sonora dei Nirvana adattata al violino. 🙂

               

Primo intervento di Rocco che precede l’avvio dei duetti. Noemi canta con Gaetano Curreri che l’accompagna anche al piano. Bel contrasto di voci in una delle canzoni più orecchiabili di questo festival. 🙂

               

Seguono Pierdavide Carone e Lucio Dalla accompagnati oggi da Gianluca Grignani. Non male anche se io non riesco a “sentire” questa canzone di Dalla. Dolcenera e Max Gazé precedono l’arrivo sul palco di Ivanka in pantaloni a vita alta neri, camicetta bianca e cravattino nero slacciato.

               

DJ Fargetta ed un nutrito gruppo di giovani ballerini accompagnano oggi Loredana Bertè e Gigi D’alessio in una versione remixata del loro brano. Gran ritmo e allegria che da una marcia in più alla serata, per un momento dall’Ariston siamo finiti in discoteca. Ci riportano all’Ariston ed ad un’atmosfera molto soft Chiara Civello e Francesca Michielin, al piano entrambi.

               

Sabrina Ferilli, in azzurro e swaroski, entra cantando sulle note di “Roma nun fa la stupida stasera” con Morandi un “Gianni nun fa lo stupido stasera” che precede l’intervista seduti a terra. Sabrina racconta di se, del calendario, della prossima fiction e dice anche interrogata da Morandi su Celentano che lei avrebbe detto qualcosa ancora in più. 😮 Finale canoro con Morandi e con Rocco, trombonista per caso, di Sabrinona.

                

Samuele Bersani con Paolo Rossi, incappotato e con cappello, per “Un pallone” più scanzonato e con “sapore” di vecchio varietà. Rocco svela che il trombone lo suonava un orchestrale e si ritorna alla foca.

               

Bravissimi Eugenio Finardi, Peppe Servillo e la Piccola Orchestra che precedono una nuova apparizione di Ivanka non più in pantaloni stavolta per la gioia dei maschietti.

               

Bravi Nina Zilli e Giuliano Palma, accompagnati alla tromba da Fabrizio Bosso, che precedono Arisa con Mauro Ermanno Giovanardi splendidi interpreti di una bella canzone. Per me Arisa è la gran scoperta di questo festival, la canzone non è quella che preferisco ma la sua voce che “carezza” mi piace sempre di più. 🙂

E’ il momento di Alessandro Siani che nonostante sia introdotto da Ivanka e ne abbia fatto la conoscenza invoca Mazza e Mazzi per far tornare Belén. Lungo monologo pieno di battute, qualcuna meglio riuscita di altre, con appello finale all’unità degli italiani senza distinzioni fra settetrionali e meridionali. Il gran momento di comicità per me scaturisce da una verità che Ivanka candida confessa alla fine del lungo intervento del comico: ”Non ho capito niente” 😀

               

Le bravissime Emma Marrone ed Alessandra Amoroso non deludono tranne che per la “mise” dell’Amoroso molto “signorina Rottermaier”: uno dei duetti più attesi e più belli della serata che precede i Matia Bazar e Platinette (meglio chiamarlo Mauro Coruzzi oggi dato il suo look maschile) che mi hanno stupito, è stata una bella interpretazione anche grazie alla voce di Platinette. Coruzzi alla fine dichiara di amare gli etero… e dicessero tutti quanti una volta “amo gli essere umani senza distinzioni di razze, genere, preferenze sessuali o sesso” sentendolo veramente e ci lasciassero in pace da queste stupide e ipocrite dichiarazioni!!

               

Ultimo duetto della serata è quello di Francesco Renga con Scala e Kolacny Brothers che mi è molto piaciuto e precede il siparietto di Rocco, nuovamente suonatore, che canta “Stormy weather”. Si chiude il televoto dei bigs e arriva sul palco dell’Ariston il fenomeno del momento sul web i “One Direction” che ci “portano” in disco per un attimo fra i giovanissimi.

               

E’ ora il turno dei giovani di esibirsi e tocca per primo a Alessandro Casillo che come novello cenerentolo deve affrettarsi a cantare prima di mezzanote data la sua giovane ètà 😀 e che a fine canzone piange. Forse ha realizzato finalmente di essere a Sanremo e che oggi per loro finisce il festival. Seguono gli “Io ho sempre voglia” con la loro orechiabilissima canzone.

               

Bravo Marco Guazzone che accompagna la sua bella voce al piano… La canzone è molto gradevole. Ultima dei giovani Erica Mou che vuole diventare vecchia senza fretta pure oggi.

               

Finita la gara dei giovani entrano sul palco Anna Tatangelo, Vieri e Marco Del Vecchio per un po’ di pubblicità a “ballando con le stelle” e qualche appunto sul ballo di ieri di Morandi con la Pellegrini ma, per fortuna nostra, la lezione di ballo viene impartita dai maestri di Ballando con le stelle che ci deliziano con una bella coreografia eseguita su un “poutpurri” di musiche di grandi successi di Sanremo.

Vince Sanremo Social il giovanissimo Alessandro Casillo che data l’ora non può nemmeno apparire sul palco.

Per l’eliminazione dei due bigs Ivanka indossa un nuovo abitino corto e nero e non c’è pericolo, l’abitino sarà visto per un bel po’ di tempo dato lo estenuantamente lungo meccanismo per saper chi è l’eliminato: ci fanno vedere una ad una le clips di quelli che passano!! ma dire chi sono e finire no? 😦

Lasciano Sanremo Chiara Civello ed i Matia Bazar.

Dopo sapere da Morandi che Celentano sarà domani nel festival si chiude con un “pensierino” di Rocco su quelli che solo guardano l’indice di ascolto 🙂 e bravo Rocco.

Bella serata con i duetti ma tremendamente lunga con le varie attese per i voti ed i risultati dei giovani.

Grazie come sempre Sol per la tua gustosissima cronaca sanremese. 🙂

…continua qua

Annunci

…viene da qua

Oggi serata dedicata ad omaggiare la musica italiana nel mondo con l’intervento di ben 14 cantanti internazionali che duetterano con i protagonisti di questo festival. Sulla carta e in base alla esperienza dei passati festivals, la miglior serata… speriamo lo sia… 🙂

La serata inizia, dopo la scenetta telefonica di Rocco, con un bell’omaggio alla musica italiana con i più grandi successi sanremesi di tutti i tempi suonati dalla orchestra per passare poi a Sinatra (in ricordo penso che oggi è una serata internazionale) e Morandi. Bell’inizio 🙂

             

Arrivano Ivanka, di rosso vestita, e Rocco con la copertina di “TAIM” con la sua foto che vorrebbe saper cosa bisogna fare per finire in prima pagina essendo stata monopolizzata l’attenzione della stampa nella prima serata da Celentano ed ieri della farfallina inguinale di Belèn.

Dopo Shaggy che canta Boombastic (ma che c’entra con la musica italiana? 😮 ) parte il primo omaggio ad “Io che non vivo” cantato da Shaggy e la Civello… Non mi pare che questo sia un interprete tagliato per la musica italiana e l’omaggio risulta alla fine una brutta interpretazione 😦 segue Samuele Bersani che con Goran Bregovic canta “Romagna mia” in stile sagra paesana slava. Ma perché Morandi non ha continuato a cantar i grandi successi sanremesi lasciando il posto a questi due orribili omaggi? 😦

             

I bei ommaggi iniziano con “Grande grande grande” con Nina Zilli e Skye dei Morcheeba. Bella interpretazione di entrambe ma soprattutto bravissima Nina. Segue Matia Bazar con Al Jarreau , che dimostra di gradire molto la presenza di Ivanka, in “Parla piu’ piano” . Interpretazione diversissima dall’originale, intensa e piena di virtuosismi.

             

Emma con Gary Go in “Il Paradiso” non sono male anche se forse ci sarebbe voluta qualche prova in più. Stupenda Arisa con Josè Feliciano in “Che sarà”. Mi son emozionata perchè Jose mi riporta al mio paese ed a tanti ricordi lontani ma anche per le loro voci assieme e mi son chiesta perchè Arisa non abbia iniziato la sua carriera sfruttando la sua meravigliosa voce anzichè ricorrendo ad un personaggio curioso e quasi fumettistico… “C’era un ragazzo” con Morandi , Arisa e Feliciano chiude il loro intervento. Splendidi tutti e tre. 🙂

             

Arriva la bella Pellegrini e tra qualche chiacchiera sui tatuaggi, qualche nozione sulla partenza ai blocchi ed un improbabile lento con Morandi a cui segue un ballo in più giovane compagnia corre inevitabilmente il pensiero alla piscina dove decisamente la Pellegrini è più nel suo ambiente naturale e sa dare il meglio di se senza timidezza ne impaccio.

Bravi Francesco Renga con lo spagnolo Sergio Dalma, che ha fatto un disco in Spagna di omaggio alla musica italiana di gran successo, in “Il mondo” ma meglio ancora in “Bella senz’anima”. Possiamo assegnare a Dalma il titolo di “Lord Pappalardo” per quanto simile è la sua interpretazione ma distante la sua presenza scenica e aspetto 😀 Non mi hanno entusiasmato Pierdavide Carone,Lucio Dalla e Mads Langer in “Anema e Core”.

              

Seguono Irene Fornaciari con Brian May feat e Kerry Ellis in “Uno dei tanti”: un’autentica ventata di vita e ritmo ed una meravigliosa voce, quella di Kerry. Stupendi Brian e Kerry in “We Will Rock You”.  Dall’inizio finora Ivanka non si era più vista e mi chiedevo se fosse andata via, ora è il suo momento. Con i capelli raccolti ed un abitino lungo e trasparente fa la sua prima gaf chiamando Morricone “Ennio Morriccione” .

              

Inspiegabile come i cuneesi Marlene Kuntz siano riusciti a cantar con Patti Smith “Impressioni di settembre” ma alla fine la Smith è la Smith ed è una bella prova anche la loro tutto sommato. Meglio ancora la Smith in “Because the night”. E dopo la Smith canta Rocco Pappaleo con tutti gli spettatori in sala in piedi che fanno la foca!! 😮

                

Gigi D’Alessio e Loredana Bertè con Macy Gray in “Almeno tu nell’universo” non mi hanno convinto. Mi è piaciuto solo ma tanto Loredana e la sua emozione…la Gray non era proprio in serata o stava male.  Brava come sempre Noa con Eugenio Finardi in “Torna a Surriento” e con Morandi dopo in Beautiful that way.

              

E’ il turno ora di Dolcenera con Professor Green che in “Vita spericolata” mi son piaciuti, merito di Dolcenera soprattuto però,  seguite da Noemi con Sarah Jane Morris in “Amarsi un po” a dir poco stupende: due voci così diverse e che assieme fanno scintille.

              

Ed ecco un nuovo balletto di Ivanka molto passeggiato ma la ragazza è carina e si fa guardare volentieri nonostante non abbia un gran futuro nel ballo.

E’ giunto il “momento ripescaggio” con il televoto che speriamo non sia troppo lungo. Si esibiscono i 4 concorrenti e mentre si attende il risultato ricevono il premio per la migliore interpretazione I Marlene Kuntz e Patty Smith.

Sono stati ripescati Pierdavide Carone – Lucio Dalla e Gigi D’Alessio – Loredana Bertè.

La serata, un po’ lunga a dir il vero, è stata molto bella e gradevole. Tranne i due primi omaggi veramente pessimi per i miei gusti, il resto sono stati molto belli con momenti veramente esplosivi come quelli con  Brian May feat e Kerry Ellis ed emozionanti come quello di Arisa con Josè Feliciano.

Serata davvero piacevole e Arisa veramete brava… 🙂 (Luna così ha parlato…) 😀

…continua qua

…è iniziato qua

Prende il via la seconda puntata del festival con la scenetta de I Soliti Idioti  ma per fortuna ci riscatta una bella coreografia di Ezralow ispirata alle parole di Martin Luther King “I have a dream”…speriamo sia un buon augurio per la serata.

            

Il sofisticato meccanismo del voto oggi pare funzionare ma per fortuna pur se non funzionasse con le palette che Rocco ha portato la votazione è comunque garantita…

            

Nina Zilli con allegro vestito floreale e lunga treccia apre la gara seguita da un’elegante e quasi irriconoscibile Arisa in lungo e nero. Il coraggioso e dovuto, per forza di cose, cambiamento di Arisa non è male ma non mi convince per ora completamente.

            

L’improbabile coppia D’alessio-Berté dopo le due preedenti canzoni danno finalmente un po’ di ritmo alla serata. Cantano meglio oggi, ieri la lunga attesa non deve aver aiutato molto l’interpretazione…

           

L’arrivo di Belen ed Elisabetta, in attesa come noi dell’arrivo della sfortunata Ivanca, introduce Dalla che dirige Pierdavide Carone nella sua canzone che oggi finalmente riesco a seguire senza farmi distrarre dalle mosse del direttore…

    

Iniziano le sfide fra i giovani di Sanremo Social con un giovanissimo di 15 anni, Alessandro Casillo che nonostante l’immaginabile emozione riesce a tirare fuori dopo un incerto inizio tutta la grinta e per ora è quello che più mi è piaciuto oggi e co una 18enne cantautrice, Giordana Angi a cui seguono due istituzioni canore: I Matia Bazar ed Eugenio Finardi.

     

Dopo un ben poco divertente finto suicidio de I Soliti Idioti la prima gara si risolve a favore del giovanissimo Alessandro. La seconda sfida fra i giovani vede i “Io ho sempre voglia” (originale il nome :D) contro Celeste Gaia.

        

Per fortuna mentre si attende l’esito della sfida è il turno di Emma che canta con la sua solita grinta. Nel frattempo son rientrate dopo un cambio d’abito Elisabetta e Belen e finalmente, introdotta da Belen ed Elisabetta, la bella Ivanka che dopo i saluti di rito, qualche spiegazione e la prova del collarino introduce i cuneesi Marlene Kuntz.

           

Dopo Irene Fornaciari, Elisabetta e Belèn, costrette a passare il testimone, ringraziano per la gran opportunità ed introducono Samuele Bersani che canta “Un pallone”.. presagio forse della seguente scenetta imbarazzante de “I soliti idioti”? 😮

           

E finalmente arriva l’esito della seconda sfida giovane; passano gli “Io ho sempre voglia” (speriamo sia di far sempre di meglio) e subito un’altra sfida fra una giovane cantautrice Erica Mou che canta nella sua “Nella vasca da bagno del tempo” di voler diventare vecchia senza fretta ( e chi no? ) ed un altro gruppo, i Bidiel (pare siano le sigle dei loro nomi).

           

Prima di Noemi è il turno di una tale Chiara Civello che confesso di non aver la minima idea di chi sia e cosa abbia mai cantato per essere nei big :-o.  Noemi mi è sempre piaciuta e pure oggi mi piace, ha personalità e slancio  e paragonata a molti che oggi ho sentito ha indubbiamente una marcia in più.

    

Enrica Mou passa il turno e subito un altra sfida, quella fra Marco  Guazzone che canta per primo accompagnandosi al piano contro Giulia Anania. No son male nessuno dei due ma in attesa del risultato ci troviamo una delle spumeggianti in senso ironico scenette de I soliti Idioti, che in questa puntata incombono minacciosi su di noi ad ogni votazione.

           

Tocca a Francesco Renga farci dimenticare l’imbarazzantissima scenetta dei cosidetti comici, e ci riesce eccome con la sua bella voce ed interpretazione  🙂 Segue Dolcenera.

Ed Ivanka nonostante i malori, dopo tante prove, ci regala un “balletto”, nel senso di prove di muoversi su un palco cercando di ballare,  su coreografia di Franco Miseria 😮

 

Marco Guazzone supera la sfida giovane. E mentre aspettiamo di saper chi sono i quattro eliminati un imbarazzante Martin Solveig accompagnato da due tenniste ci regala un brano dedicato alla sua mamma e devo dire che ho preferito di gran lunga la sfida lanciata da Rocco ,  per una volta bravo Rocco!

Ed ecco finalmente i nomi degli eliminati di questa serata:

 BERTE’-D’ALESSIO

IRENE FORNACIARI

MARLENE KUNTZ

LUCIO DALLA-PIERDAVIDE CARONE

ma due di loro potranno essere ripescati domani.

Sono sempre io, Luna, 😀 che ti ringrazia tantissimo Sol, per avermi fatto il riassunto soprattutto dell’ultima parte di questa seconda serata del Festival che non sono riuscita a vedere.

…continua qua

Inizio io questi appunti veloci su Sanremo e non la mia buona Luna, molto più brava di me in queste cose, per problemi meteorologici. Luna, quasi completamente sommersa dalla neve, dedica il poco tempo libero a disposizione per riposarsi dallo spalare e spalare la neve attorno….

I miei saranno dunque solo pochi pensieri “personalissimi” su ciò che più mi ha colpito di ogni puntata o su ciò che, come oggi, mi ha colpito da quanto ho potuto vedere della puntata, dato che ho solo visto il festival dal discorso di Celentano in poi, occupata come ero prima da una lunga telefonata

           

Bellissima Belen, che con Elisabetta non stonano nella loro ballata di rientro festivaliero inatteso. Una gioia vederle dopo il lungo soliloquio  celentanesco

Brava Emma, quella che per ora di quanti ho visto più mi è piaciuta..

                      

La strana coppia Bertè- D’Alessio per ora non mi ha troppo stupito…

Rocco Papaleo a me non piace e non ci posso far nulla, solo a guardarlo in faccia mi trasmette antipatia per cui, obbiettiva forse non sono, ma ritengo che un comico con la faccia antipatica sia la negazione totale della comicità.

          

Insolito Lucio Dalla, direttore di orchestra per la canzone di Pierdavide Carone. Tutta la mia attenzione era catturata da Dalla direttore,  e così non son riuscita nè a farmi trasportare dalle note nè da Pierdavide…da risentire cantante e canzone…

Arisa pare essere diventata adulta… è diversa, non giggioneggia ma devo ancora sentirla per capire se mi convince…

          

I Matia Bazar, con cantante di biancaneve vestita (o era per caso la matrigna di biancaneve? :-o) a me fanno sempre venir nostalgia della Ruggero e non ci possa far nulla. Da risentire, ma appena iniziata la canzone a me veniva in mente la bellissima “Vacanze Romane” facendomi perdere l’attenzione sulla loro nuova canzone…

Proteste calorose all’annuncio che dovuto al guasto tecnico del meccanismo del voto tutti i concorrenti di oggi passano a domani. Stando così le cose domani saranno in 4 a dover abbandonare la gara ed a me non poteva capitar nulla di meglio, potrò vedere i cantanti che oggi purtroppo mi son persa, mai guasto fu così opportuno nel mio caso dato che più che di un festival canoro dato i pochi interventi musicali che ho visto ed il troppo lungo intervento di Celentano incominciavo a chiedermi dove fosse stata relegata la musica 😀

Sono io, Luna,   😀 …e sono d’accordissimo con la tua analisi di questa prima serata del Festival, Sol. 🙂
 
…continua qua