Forse non tutti voi che siete passati di qua sapete che i primi posts su questo blog riguardavano proprio Luna Rossa e l’indimenticabile 32° America’s Cup. 🙂

Se volete averne un’idea potete cliccare sulla categoria VELA.

Oggi Luna Rossa con l’aggiunta di un “Piranha”  😀 ha vinto la tappa napoletana delle World Series di Coppa America.

Il suo catamarano ha volato sull’acqua scatenando un tifo da stadio tra il pubblico che ha assistito alla gara…e, sono sicura, anche tra gli spettatori da casa. 🙂

Aspettando il prossimo appuntamento a Venezia tra un mese, vi metto qualche notizia…. 🙂

” Luna Rossa Piranha ha vinto l’ultima regata di flotta della tappa napoletana delle World Series di Coppa America.

Il catamarano con a bordo il timoniere Chris Draper vince cosi’ la classifica generale delle regate di flotta delle World Series di Napoli. La barca italiana si e’ imposta davanti agli americani di Oracle Racing di James Spithill che ha accumulato un ritardo di 1’15” e ad Artemis Racing a 1’49”. Quarto posto per Energy team a 2’29” e quinto per Team Korea a 4’19”. Molto piu’ indietro l’altro catamarano targato Oracle di Darren Bundock con un ritardo di 5’25” e Team New Zealand a 5’50”. Ottava posizione per China Team a 6’00” e ultimo posto per l’altra Luna Rossa Swordfish che ha subito una penalita’ nel momento decisivo della regata chiudendo con un ritardo dalla gemella di 6’29”.

Grazie a questo successo e al punteggio maggiore che si assegna per l’ultima regata, Luna Rossa vince la tappa napoletana con 92 punti proprio davanti a Oracle Spithill con 77, e a Team New Zealand con 60 punti, mentre Luna Rossa Swordfish chiude al sesto posto con 41 punti.

Questa la classifica completa: 1) Luna Rossa Piranha 92 punti; 2) Oracle Racing Spithill 77 punti; 3) Team New Zealand 60 punti; 4) Energy Team 54 punti; 5) Team Korea 49 punti ; 6) Luna Rossa Swordfish 41 punti; 7) Artemis Racing 40 punti; 8) Oracle Racing Bundock 37 punti; 9) China Team 15 punti.

Per quanto riguarda invece la classifica dopo le quattro prove delle World Series Oracle Racing Spithill con duce con 67 punti, davanti a Emirates Team New Zealand con 66 e aArtemis Racing con 54 punti. Solo nona Luna Rossa Piranha con 19 punti e ultima Luna Rossa Swordfish con 12, avendo corso solo la prova di Napoli. “

Da: Rainews24.it

Ieri si sono conclusi i Campionati Mondiali di Pattinaggio che si sono svolti a Nizza e la nostra Carolina Kostner è stata davvero magica e si è pienamente meritata il gradino più alto del podio, che l’Italia non aveva mai conquistato. 🙂

Carolina Kostner (video)

Che il surf abbia un sacco di adepti è cosa nota; è uno sport bellissimo che a me affascina per la sua spettacolarità, che fa restare lo spettatore con il fiato sospeso fino all’ultima evoluzione del surfistia.

E’ uno sport che respira aria d’estate…ma il vero surfista va alla ricerca dell’ onda perfetta non importa dove e non importa quando.

Chi partecipa ai campionati poi, si ritrova sulle spiagge del mondo…come è avvenuto per le bellissime ragazze che hanno partecipato al Campionato Mondiale di Surf femminile che è cominciato a febbraio in Australia ed ora sta per finire sulle coste atlantiche della Francia. L’australiana Sally Fitzgibbons si è qui aggiudicata il trofeo.

(cliccare nella miniatura sottostante)

Il surf è donna

Il titolo del video sopra, 🙂 ci vuol forse far capire che non ci sono frontiere alla passione per questo sport di noi umani e non solo… 😀

Infatti…non importa se maschio o femmina, se a 2 o a 4 zampe… 😆 basta cavalcare le onde… 🙂

(cliccare nella miniatura sottostante)

California, surfate a 4 zampe

Nel programma della selezione spagnola nel giorno dei festeggiamenti per la vittoria dei mondiali un ruolo molto importante è quello dei pompieri. Non solo hanno dato il primo benvenuto alla “roja” appena preso terra l’aereo su cui tornavano a Madrid  con un arco d’acqua fatto sull’aereo mentre rullava per le piste dell’aeroporto ma soprattutto è tutto il pomeriggio che continuano ad annaffiare con i getti d’acqua l’enorme folla che si accalca lungo tutto il percorso che data l’alta temperatura rischia malori.

La prima tappa della “roja” era a Palacio Real di Madrid, luogo dove si ricevono i capi di stato in visita, usato oggi dalla famiglia reale per salutare ed omaggiare i neo campioni del mondo.  Le campane della vicinissima catedarle di Madrid suonavano dandogli il benvenuto. Dopo l’emotivo saluto del re si sono aggiunte al gruppo le piccole Leonor e Sofia, figlie del principe Felipe e di Letizia entrambe con la maglietta della nazionale a cui Casillas ha fatto vedere, toccare ed anche reggere in mano la pesante coppa. Al re è stata regalata una camicetta della nazionale firmata da tutti i giocatori.

La seconda tappa dal premier Zapatero si è svolta in modo molto più spontaneo grazie al pubblico presente che a gran voce ha chiesto che anche Zapatero saltasse con i giocatori e che parlasse l’autore del gol Iniesta, che timido ed impacciato ha scherzato dicendo che se sapeva che doveva parlare non avrebbe fatto  gol. A Zapatero è stata regalata un altra maglietta dedicata a lui e firmata da tutti i giocatori. Era presente a questo incontro il figlio di Del Bosque, un ragazzo down che non vedeva l’ora di conoscere il premier e festeggiare con la nazionale. Ha alzato la coppa e da quel momento in poi è diventato un altro giocatore de “la roja” e con tutti i giocatori  sta ancora sfilando nel pullman per le vie di Madrid.

Il percorso è lentissimo tanta è la folla che c’è ovunque che è difficile persino tener aperto il varco per lo scorrere per le vie del pullman. Anche l’aeronautica spagnola ha partecipato con la “squadra aguila” che ha effettuato diversi passaggi sulla folla disegnando con il fumo colorato una lunghissima bandiera rosso gialla.

Mentre scrivo il pullman ha appena raggiunto il grande piazzale dove si svolgerà la festa finale.  🙂

fonte delle foto e più informazione in:  http://www.rtve.es/noticias/

Viene da qua…

and the winner is… SPAAGNAAA!!!!

Siiii…siete voi, siete voi spagnoli i Campioni del Mondo di Calcio ! 😀

E che dire altro? Se non che sono contenta del risultato 🙂 e che il nostro ” oracolo” Paul abbia fatto l’en plain di previsioni azzeccate. 😀

Polipo Paul-autore Tilla

Ora però, come un “re” mai sconfitto, si ritira. 🙂

Leggere articolo sotto :

http://www.repubblica.it/speciali/mondiali/sudafrica2010/2010/07/12/news/paul_si_ritira-5537000/

Non mi resta che salutarvi dagli…spalti, con la cerimonia di chiusura. 🙂  

(cliccare nella miniatura sotto per la fotogalleria di Repubblica)

.

Poco fa all’aeroporto di Madrid (Barajas) “la roja” è arrivata finalmente.  L’aereo che esibiva al fianco  la scritta “Campeones” sotto la scritta “Orgullosos de nuestra selecciòn” ha impiegato pochissimo ad aprire la porta e far uscire per primo il capitano Iker  Casillas con il trofeo nella mano seguito del preparatore tecnico Vicente del Bosque.

.

.

Nelle 10 ore di volo di ritorno i giocatori hanno festeggiato la vittoria con una torta a forma della maglietta della nazionale con cui Iberia si complimentava con i neo campioni del mondo accompagnata di spumante nazionale e senza dormire ne lasciare dormire i giornalisti al seguito han continuato la festa cantando, ballando, mangiando e bevendo (acqua naturale) finendo con una battaglia di cuscini.

.

.

Qualche ora di riposo in albergo precederano le due visite ufficiali previste per “la roja” alla famiglia reale prima ed alla presidenza del governo dopo, prima di partire per il giro in autobus scoperto per le vie del centro di Madrid.

.

fonte delle foto e più informazione in:  http://www.rtve.es/noticias/

… i campioni del mondo siamo noi

E finalmente la Spagna vince per la prima volta il campionato del mondo di calcio! 😆  E come tutti gli spagnoli è da ieri che , canto e do salti di gioia

Diverse le immagini che non dimenticherò della telecronaca di ieri che formano una specie di album fotografico dei miei ricordi della serata…

  • il momento in cui Iniesta riesce a segnare l’unico e definitivo gol che sancisce la vittoria
  • nel momento in cui l’arbitro fischia la fine dell’incontro le telecamere si spostano un attimo sulla famiglia reale spagnola rappresentata in questa occasione dalla regina Sofia, il principe Felipe e la moglie Letizia che, come qualsiasi spagnolo in quel momento, dimenticando obblighi di savoir faire, di rango ed ogni altra considerazione saltano, gridano ed alzano le mani al cielo…altro che aplomb!! 😆
  • Iker Casillas, capitano e portiere della nazionale e del Real Madrid, piange inginocchiato a terra… uno ad uno i suoi compagni accorrono ad abbracciarlo
  • il bacio di Iker Casillas al trofeo e finalmente la esplosione di gioia alzandolo…